logo

In Asia, milioni di cani e gatti vengono ancora brutalmente uccisi per la loro carne.

INSIEME POSSIAMO FERMARE QUESTA CRUDELTÀ.

Firma la petizione!

I cani e i gatti non dovrebbero soffrire e morire per il commercio della loro carne in Asia. Chiediamo urgentemente ai governi di tutti i paesi in cui il commercio di carne di cane esiste di lavorare con impegno e velocemente per sradicare questa pratica crudele e non necessaria.

Aiutaci a raggiungere
questo importante obiettivo

Condividi questa importante azione con i tuoi amici

Molti vedono i cani come loro compagni fidati, ma in alcune parti dell’Asia soffrono terribilmente. Solo in Cina 30 milioni di cani e 10 milioni di gatti vengono uccisi ogni anno per il commercio della loro carne per il consumo umano. HSI lavora nei principali paesi asiatici che guidano questo mercato e mettere fine a questa crudeltà.

Il commercio di cani da carne in Corea del Sud

La Corea del Sud è l’unico paese in cui sono ancora presenti allevamenti commerciali di cani da carne. In questi luoghi terribili i cani vivono in condizioni miserabili, in sterili gabbie di metallo, esposti a tutte le intemperie fino al giorno del massacro.

Sebbene la maggior parte delle persone non mangi abitualmente carne di cane, molti lo fanno durante alcune feste tradizionali. Durante i Bok Nal, i giorni più caldi dell’estate, è tradizione consumare la zuppa a base di carne di cane, ritenuta rigenerante e curativa: un aiuto per aiuta a superare la calura estiva.

2 milioni

numero di cani che si stima si trovino attualmente in migliaia di allevamenti in Corea del Sud

84%

sudcoreani che affermano di non mangiare carne di cane e di non aver intenzione di farlo.

2030

anno in cui vogliamo arrivare alla chiusura di tutti gli allevamenti di cani da carne di Corea del Sud.

Yulin Festival, la festa più crudele della Cina

Spacciato come tradizione consolidata, lo "Yulin Festival" che prevede il consumo di carne di cane e gatto in occasione del solstizio d’estate, a differenza del Bok Nal che si celebra in Corea del Sud, è in realtà una crudele trovata commerciale, lanciata nel 2010 dai commercianti della città cinese di Yulin per aumentare le loro vendite in calo della carne di cane.

In Cina, questo festival è soltanto uno spettacolo crudele, che porta migliaia di animali a soffrire terribilmente. Migliaia di cani e gatti vengono presi dalle strade e dai cortili, stipati in gabbie metalliche e accatastati su camion, dove trascorrono intere settimane senza cibo, acqua e conforto. Molti muoiono per malattie, disidratazione, soffocamento o colpi di calore molto prima ancora di raggiungere i macelli ed mercati, la loro ultima e triste destinazione dove verranno picchiati a morte con pali di metallo.

Un’industria crudele

HSI lavora con organizzazioni locali in Corea del Sud, Cina, Thailandia, Vietnam, Filippine, Indonesia e India per sensibilizzare il pubblico sul terribile commercio di carne di cane che si sviluppa in questi paesi. Attivamente, chiudiamo allevamenti in Corea del Sud, diamo assistenza agli allevatori per passare ad uno stile di vita più umano e sostenibile, supportiamo i nostri partner nelle loro richieste di salvataggio urgente e per l’intercettazione di carichi di cani destinati al commercio per il consumo umano, finanziamo la cura degli animali soccorsi e salvati e influenziamo l’opinione pubblica per leggi migliori in tutta l’Asia.

17

allevamenti chiusi
in Corea del Sud dal 2015

2

mercati chiusi
I più grandi della Corea del Sud.

2000+

cani salvati
in Corea del Sud dal 2015

Siamo HSI

HSI/Europe è l'unica organizzazione presente in Italia attiva a livello nazionale e globale, in 50 paesi per la protezione di tutti gli animali. Attraverso studi scientifici, campagne di sensibilizzazione, programmi di educazione e progetti sul campo lavoriamo per rendere centrale il rapporto uomo-animale, salvare e proteggere cani e gatti, migliorare il benessere degli animali allevati, salvaguardare la fauna selvatica, promuovere una ricerca senza animali, intervenire in caso di disastri naturali e combattere la crudeltà nei confronti degli animali in tutte le sue forme.